Luglio 16, 2024

Gerani in vaso: come coltivarli? E come si possono usare?

0

I gerani sono sicuramente tra i fiori più comuni da piantare in vaso, sul proprio balcone. Le varietà sono diverse e a seconda del loro colore il significato, nel linguaggio dei fiori, cambia, ma generalmente (soprattutto quando si regalano) indicano amore, affetto ed amicizia. Ma come fare a coltivarli in vaso? E’ possibile usarli in vari modi in casa?

Come piantarlo nei vasi

Il geranio è un fiore che si adatta bene ai climi mediterranei, e la temperatura perfetta per la sua crescita è tra i 15° e 25°. Trovare sia i semi che il terreno giusto non è difficile, in quanto ce ne sono diversi in commercio, online e nei negozi specializzati, ma importante è la scelta del vaso, che deve essere ovale o rotondo, ma il suo diametro non deve essere inferiore ai 18 centimetri e la profondità di non meno di 20 centimetri. Il periodo migliore per piantarli è la primavera e la posizione migliore per il vaso è in pieno sole o a mezz’ombra, in modo che sia anche arieggiato, ma al riparo delle correnti d’aria.

I gerani non richiedono molta acqua, in quanto crescono in climi aridi, e quindi non si devono annaffiare eccessivamente fino a fare dei ristagni. In estate, bisogna comunque annaffiarli ogni giorno, meglio se dopo il tramonto. Un’annaffiatura andrebbe fata anche prima del rinvaso.

Come altre piante, anche i gerani possono essere soggetti a malattie, in particolare di origine fungina. Tra le più comuni che affliggono questi fiori c’è la muffa grigia, che provoca macchie su foglie e fiori, e si forma soprattutto se si annaffia troppo. Altre malattie comuni sono la ruggine e il marciume. Per ognuno di questi problemi, comunque, è possibile trovare dei prodotti presso i negozi, ma i tra i rimedi più naturali ci sono l’olio di neem e un decotto all’aglio (questo indicato per i parassiti).

Cosa fare con i gerani

Ci sono diversi modi in cui i gerani possono decorare la tavola, oltre che essere messi in un vaso al centro del mobile. Ad esempio, c’è chi ha messo dei gerani in un cono gelato, e inserito quest’ultimo dentro un bicchiere, e lo ha usato come centrotavola, oppure messo in vasetti di vetro e poi appesi alla parete.

Un’altra idea semplice, ma originale, è quella di prendere dei sassi decorativi e delle provette e un cavo di rame di almeno 0,8 millimetri. Per fare un segnaposto basta avvolgere il filo di rame attorno e sotto la provetta, creando uno stelo e fissandolo girandolo stretto attorno alla pietra. Si mette nelle provette, infine, un po’ d’acqua con i gerani, e volendo si può scrivere sui sassi i nomi degli ospiti.

Anziché buttare dei contenitori di plastica, se ne possono fare degli oggetti di design, in cui mettere sempre i gerani, tingendoli con una vernice spray della stessa tonalità dei fiori (o comunque con un colore che si abbina bene ad essi). Se si usano contenitori di diverse forme e dimensioni, raggruppandoli se ne può fare un elemento decorativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *