Maggio 16, 2020

Bici e monopattini elettrici: gli incentivi del Governo nella Fase 2

Dopo la crisi sanitaria di Covid-19 e la quarantena obbligatoria, il nostro Paese insieme al resto del mondo tenta di ripartire con l’avvio della Fase2. Durante questo periodo verranno riaperte a scaglioni una serie di attività economiche, commerciali e culturali, un segnale per sperare nel ritorno alla normalità quanto prima possibile.

In questo scenario il problema principale è legato al trasporto pubblico e ai sistemi di condivisione come il car sharing, per questo motivo sono in tanti a scommettere sulla mobilità green. Molti cittadini stanno optando per soluzioni ecologiche come bici e monopattini elettrici, soprattutto in vista del nuovo programma di incentivi del Governo per favorire questa forma di trasporto sicuro e pulito.

Cosa sapere sugli incentivi per e-bike e monopattini elettrici

Le misure sono ancora al vaglio, tuttavia sono ormai certe le agevolazioni per l’acquisto di e-bike e monopattini elettrici, sebbene le autorità stanno ancora lavorando per determinare l’importo dello sgravio e le modalità per l’ottenimento del beneficio. La misura dovrebbe essere contenuta nel prossimo Decreto Rilancio, realizzato con la partecipazione dei ministeri dell’Ambiente, dei Trasporti, dell’Economia e dello Sviluppo Economico.

Nel dettaglio dovrebbe essere confermato uno stanziamento di 125 milioni di euro, con la possibilità di ricevere un bonus fino a 500 euro per comprare monopattini elettrici e bici a pedalata assistita. La disposizione non dovrebbe prevedere requisiti particolari, infatti sarà valida per tutte le persone residenti in centri con almeno 50 mila abitanti. L’obiettivo è dunque stimolare l’uso di questi sistemi a zero emissioni nelle grandi e medie città, dove è più difficile garantire un trasporto pubblico sicuro.

L’agevolazione sarà valida per tutti i cittadini che ne faranno richiesta, quasi sicuramente senza nessuna restrizione legata al reddito personale o familiare. Al momento non sono state chiarite le modalità per ricevere l’incentivo, nello specifico se sarà rivolto ai rivenditori oppure alle persone che effettueranno l’acquisto, ad esempio tramite sgravio fiscale. Al contrario è data per scontata la retroattività, quindi dovrebbe essere possibile beneficiare dello sconto per gli acquisti realizzati anche nei primi di maggio.

Perché incentivare bici e monopattini elettrici?

Con l’attivazione della Fase 2 sono emersi evidenti problemi inerenti il trasporto pubblico, specialmente nei grandi centri urbani. Riuscire a garantire spostamenti sicuri a milioni di persone non è semplice, soprattutto quando tram, metropolitana e autobus devono affrontare gli orari di punta. Le soluzioni introdotte sono diverse, come i termoscanner nelle stazioni nevralgiche, il distanziamento all’interno dei mezzi, interventi di sanificazione più frequenti e l’aumento del numero di corse.

Allo stesso tempo queste misure potrebbero non bastare, infatti sono in tanti a non sentirsi adeguatamente tutelati e pronti a tornare all’uso dell’auto. Per evitare una crescita esponenziale delle emissioni inquinanti, con pesanti ricadute sulla salute pubblica, ecco spiegati gli incentivi verso soluzioni di mobilità sostenibile. Le auto elettriche sono ancora un’opzione piuttosto costosa, sebbene un trend in crescita ma che richiederà ancora molti anni per arrivare ad una quota significativa.

I monopattini e le bici elettriche, invece, consentono di adottare azioni immediate, per ridurre il numero di persone nel sistema di trasporto pubblico ed evitare la crescita dell’inquinamento. Con il nuovo programma di agevolazioni il Governo pagherà fino al 70% del valore del mezzo, con un bonus di 500 euro valido non solo su e-bike e monopattini a zero emissioni, ma anche su segway, hoverboard e monowheel, come indicato da Paola De Micheli Ministra delle Infrastrutture e Trasporti in un recente tweet.

Le regole sull’uso di biciclette e monopattini elettrici

In attesa del nuovo bonus è importante conoscere le regole del Codice della Strada, per capire quale e-bike o monopattino elettrico comprare e in che modo si possono portare. La normativa è abbastanza chiara in merito, infatti per quanto riguarda le biciclette elettriche è previsto il solo sistema della pedalata assistita, quindi tali veicoli non devono funzionare in modo indipendente, ma con l’ausilio meccanico del ciclista.

Inoltre la velocità massima dell’assistenza alla pedalata deve essere di 25 Km/h, dopodiché il sistema deve disattivarsi automaticamente. La potenza del motore, invece, non può superare i 0,25 kW, mentre per il resto valgono le stesse norme previste per le bici tradizionali. Per i monopattini elettrici, sempre più apprezzati per la mobilità smart, sono valide le regole del Decreto Toninelli, pubblicate il 27 luglio 2019 sulla Gazzetta Ufficiale.

In particolare i monopattini elettrici possono avere una potenza massima di 0,50 kW, raggiungendo una velocità non superiore a 25 Km/h. Ovviamente non c’è l’obbligo di sottoscrivere un’assicurazione sul mezzo, né di richiedere una targa per il veicolo, in più si possono portare anche senza casco, sebbene sia sempre raccomandabile per la sicurezza. I limiti di velocità sono ridotti a 6 Km/h nelle aree pedonali, tuttavia è consentito l’accesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *