Giugno 30, 2022

Letti giapponesi: perché sceglierli? Che caratteristiche hanno?

Alcuni letti, come quelli giapponesi, influenzano in modo positivo il sonno, permettendo un buon riposo. Scopri di piú.

camera

Dormire bene è un piacere per il corpo, e uno strumento di benessere per la propria salute. È essenziale quindi scegliere il letto giusto che permetta un sonno ristoratore. Ci sono alcuni letti, come quelli giapponesi, che influenzano in modo positivo il sonno, permettendo un buon riposo.

I letto giapponesi sono composti dal materasso, anche chiamato Futon, e dal Tatami, ovvero una struttura di paglia intrecciata, posta sotto al Futon per sostenerlo.

Questi letti offrono molti vantaggi rispetto ad un letto tradizionale europeo. Innanzitutto sono letti realizzati artigianalmente, con sostanze del tutto naturali e privi di sostanze chimiche o di viti e chiodi.
Sono proprio questi piccoli dettagli a fare la differenza: le colle, infatti, potrebbero rilasciare sostanze chimiche nell’aria disturbando così il sonno, e le viti potrebbero allentarsi compromettendo la comodità della struttura.

Per creare un Tatami vengono utilizzati soltanto legni naturali, protetti da un leggero strato di impregnante naturale e atossico ad acqua. La struttura in paglia viene allegata al legno con tecniche di intreccio e incastro, in modo da realizzare un unico pezzo che duri nel tempo.

Anche il Futon è realizzato completamente con materiale naturale che non provochi allergie e che sostenga il corpo favorendo la salute della colonna vertebrale.

Il materasso è composto da diversi strati di cotone di diversa durezza. In questo modo si garantisce la corretta struttura del corpo con la massima comodità. A questi si aggiunge uno strato di lattice a base di soia e aloe, per rendere il tutto più comodo e confortevole adattandosi perfettamente al corpo.

Letti giapponesi: il Tatami

Il tatami è la componente principale di un letto giapponese. Questo, infatti, funge da sostegno al Futon, e da struttura portante del letto.

Grazie al suo naturale profumo dato dalla paglia di riso, rilassa la mente, il corpo e lo spirito, concedendo al soggetto un riposo di qualità.

La paglia intrecciata sostiene perfettamente il Futon, e grazie ad una serie di tecniche di incastri, dura nel tempo senza creare scomode conche come invece fanno i letti a rete.

Poiché viene realizzato con materiali del tutto naturali, inoltre, è anallergico e atossico: non rilascia sostanze chimiche né sulla pelle, né nell’aria.

Il Futon

I primi Futon erano realizzati soltanto con strati di cotone naturale. Solitamente si trattava di materassi duri, che sostenevano il corpo, sacrificando però il confort.

Oggi, gli strati di cotone che compongono il Futon hanno diversi livelli di durezza, per migliorare la comodità mantenendo la massima qualità del prodotto. A questi viene aggiunto uno strato di lattice memory foam, per fare in modo che il corpo mantenga la giusta postura.

A differenza dei classici materassi memory foam, il Futon è realizzato solo con prodotti naturali. Il lattice, infatti, è a base di soia e aloe vera, per dare sollievo anche alla pelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *