Maggio 8, 2020

Auto elettriche: modelli e novità 2020

Auto elettriche

Andiamo oggi a dare uno sguardo al panorama delle auto elettriche in questo scenario, post emergenza CoronaVirus che di sicuro ci condurrà ad una nuova visione urbana delle modalità di vita e in cui torneremo a muoverci e a viaggiare, sperando sempre di più a bordo di modelli elettrici che possano rispettare maggiormente il nostro ambiente, riducendo le emissioni prodotte. Gli effetti che questa epidemia hanno avuto sull’industria dell’auto è stata di sicuro pesante con effetti non confortanti nei dati e nelle previsioni future. Sono comunque molte le idee per il prossimo futuro e su tutti i modelli elettrici che saranno pronti a far il proprio debutto in questo 2020, considerando però tutte le incertezze che l’emergenza sanitaria porta con esse che potrebbe far posticipare le date di arrivo di alcuni dei modelli che presenteremo e analizzeremo.

BMW i4 Concept

Partiamo con la proposta di BMW che, inizierà a cercare il rilancio delle proprie quotazioni sul fronte elettrico. Il noto marchio tedesco, dopo la i3, punta infatti sulla famiglia “i”, che è quella che rappresenta ed identifica i modelli completamente elettrici presentandoci la nuova i4 Concept. Equipaggiata con un powertrain capace di sviluppare ben 530 cavalli che ci permetterà di passare da 0 a 100 in soli 4 secondi, e garantendoci una velocità massima di 200km/h che molto probabilmente sarà autolimitata.

Anche nel comparto dell’autonomia si sono fatti notevoli passi avanti infatti nel ciclo di omologazione Wltp ha fatto segnare quasi 600 chilometri. Abbiamo un pacco batterie ha una capacità di 80 kWh ed ha un peso complessivo di 550 chili.

BMW iX3

Sempre la ben nota casa bavarese ha in serbo per la fine dell’anno la nuova iX3, che rappresenta la versione elettrica del ben famoso e diffuso Suv X3. Un veicolo che oltre a segnare il debutto del costruttore tedesco in questo segmento di mercato lo equipaggia con un powertrain elettrico capace di 286 cavalli di potenza e 400 Nm di coppia massima. Il pacco batterie da 74 kWh ci offre, leggendo l’omologazione 400 chilometri di autonoma.

Nonostante la configurazione estetica dell’auto sia molto vicina alla X3 tradizionale sono parecchie le differenze e le modifiche stilistiche che hanno giovato, in generale e migliorato, l’aerodinamica, aspetto di sicuro fondamentale per ottimizzare l’efficienza dell’auto. La iX3 ha un equipaggiamento, tra le altre cose, con delle ruote, che ci consentono una riduzione del 5 per cento sul coefficiente di resistenza rispetto ai normali cerchi ruote di una X3 convenzionale.

Volkswagen ID 3 e ID 4

Passiamo ora a Volkswagen per la quale, quest’anno avrebbe dovuto segnare il tempo della rivoluzione elettrica del gruppo. Rivoluzione che molto probabilmente verrà posticipata vista la situazione sanitaria attuale. È comunque già prenotabile la nuova ID 3 che si prepara a ricoprire un ruolo importante nella transizione verso l’elettrico del marchio come fece la sua Gold tempo fa e di cui da tempo esiste una versione elettrica.

Questa nuova ID 3 nasce da una piattaforma a lei dedicata ed è già stata molto apprezzata nella sua edizione limitata First Edition, ordinabile unicamente Online. Saranno quattro le varianti di quest’elettrica tedesca e disponibili con potenze che saranno comprese tra i 93 e 150 kWh. Anche i pacchi batteria avranno capacità diverse e rispettivamente di 45, 88 e 77 kWh. Valori che ci consentiranno un’autonomia che potrà raggiungere i 550 km. Non è presente ancora un listino ufficiale per questa ID 3 elettrica ma la base di partenza si prevede poco sotto i 30 mila euro.

A seguire ci sarà la ID 4 che allargherà la presenza di Volkswagen nella realtà della mobilità elettrica. Come base di partenza avremo la stessa della versione 3, che utilizza la piattaforma Meb destinata alle vetture elettriche, solo che la ID 4 sarà più imponente e simile ad un SUV. Sarà costruita in Germania, nello stabilimento di Zwickau che tra le altre cose è fra i primi a bilancio neutrale per quel che riguarda le emissioni di CO2. L’autonomia elettrica di questo nuovo modello dovrebbe essere vicina ai 500 chilometri per iniziare prima con una versione a trazione posteriore a cui farà seguito una trazione integrale 4 x 4.

Audi gamma E- Tron

Con una versione sicuramente dai toni più sportivi, Audi procede a passo rapido e deciso verso il completamento della gamma E- tron. La proposta verterà sulle versioni S di e- tron e di e- tron Sportback. Questi due SUV puntano tantissimo sulle prestazioni, con delle versioni che equipaggeranno anche 3 motori elettrici, divisi in due sull’asse posteriore e uno su quello anteriore, riuscendo a toccare una potenza complessiva di sistema che tocca quota 435 cavalli e 808 Nm di coppia motrice che arriveranno a 503 cavalli e 973 Nm in modalità boost. Quindi un aumento sostanziale delle performance accompagnato da una caratterizzazione estetica e peculiare oltre che da una dinamica di guida che verrà enormemente esaltata dalla presenza del sistema Torque Vectoring.

Seat, Skoda e Vw: tre city car a confronto

Passiamo a valutare anche tra proposte per chi intende la mobilità elettrica soprattutto per la città e per gli spostamenti di tutti i giorni con tre proposte molto simili: Volkswagen eco up!, Seat Mii Electric e Skoda CitiGoe. Sono tra piccole city car elettriche con in comune un pacco batterie agli ioni di litio da 32,3 kWh e che alimenta un motore elettrico da 61 kW.

Potenza che sarà sufficiente per passare da 0 a 50km/h in poco meno di 4 secondi. Per tutte e tre l’autonomia sarà intorno ai 260 chilometri e il prezzo di partenza molto simile sarà al di sopra dei 20 mila euro, da cui logicamente detrarre eventuali incentivi statali e regionali.

Mazda e la sua prima auto elettrica

Chiudiamo questa carrellata con Mazda Mx-30 che come da programmi originali dovrebbe arrivare subito dopo l’estate e che sarà la prima elettrica della casa di Hiroshima. Le linee da crossover e le peculiari aperture delle portiere controvento la rendono decisamente riconoscibile.

Anche per gli interni avremo prodotti sostenibili come il sughero, raccolto senza abbattere alberi e l’ecopelle, mentre i pannelli porta sono realizzate con bottiglie di plastica riciclata. Adottando un pacco batterie leggero per non comprometterne sul peso con una capacità di 35,5 kWh per raggiungere agevolmente i 200 km di autonomia. In Italia la avremo disponibile con prezzi a partire da 34.000 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *