Dicembre 8, 2022

Come raggiungere la Sardegna in auto

Per raggiungere la Sardegna in auto è necessario prendere una nave traghetto. I porti italiani di partenza dalla terraferma sono quelli di Civitavecchia, Livorno, Piombino, Genova, Savona, Napoli e Palermo. Il porto civitavecchiese è quello più operativo al riguardo; i traghetti in partenza da qui possono infatti raggiungere sia Olbia, che Cagliari, Arbatax e Porto Torres. Partendo da Livorno, si può scegliere se arrivare a Olbia o a Golfo Aranci. Da Piombino, invece, si può andare a Olbia e solo in estate. Da Genova, si può sbarcare a Porto Torres e, da maggio a ottobre, anche a Olbia. Da Napoli e Palermo si approda a Cagliari, mentre da Savona, solo da maggio a ottobre, si può arrivare a Golfo Aranci.

Traghetti per la Sardegna

La tratta più breve per raggiungere la Sardegna è quella percorsa dai traghetti da Civitavecchia ad Olbia: circa 125 miglia nautiche separano infatti i due porti, collegati da diverse compagnie di navigazione. Le navi Tirrenia navigano su questa rotta due volte al giorno, impiegando 5 ore e 30 minuti per la corsa diurna (con partenza la mattina), e 7 – 8 ore per la corsa notturna (partenza serale). I vettori della compagnia GNV raggiungono l’isola sarda, su questa rotta, in 6 ore e 45 minuti; Grimaldi Lines percorre questa tratta esclusivamente in estate.

Non è possibile restare in auto durante la traversata, diurna o notturna che sia. Se si viaggia di notte si può prenotare anche una cabina, invece del passaggio ponte o della poltrona: un buon letto potrebbe far comodo.

Si può raggiungere l’isola sarda con veicolo al seguito anche partendo dall’estero: dalla Spagna (Barcellona), dalla Francia (con la compagnia Corsica Ferries – Sardinia Ferries da Nizza e Tolone con scalo in Corsica), e dalla Corsica anche con i traghetti Moby o Ichnusa Lines.

Dove sbarcare con l’auto in base alla zona da raggiungere

La scelta di Olbia come porto di sbarco è ottima quando la propria meta si trova in Costa Smeralda e nel Nord-Est in generale. Anche se si vuole raggiungere il porto di Palau, da cui partono i vettori per La Maddalena, o Santa Teresa Gallura, da dove mollano gli ormeggi i traghetti per la Corsica, Olbia è la stazione marittima di destinazione da scegliere.

È preferibile sbarcare a Cagliari, invece, se la propria meta finale sarà ubicata nel sud della Sardegna, nel Medio Campidano, nel Sulcis Iglesiente, ma anche nella provincia di Oristano.

Meglio approdare ad Arbatax se bisogna raggiungere la Provincia di Nuoro o l’Ogliastra. L’arrivo a Porto Torres è invece da prediligere quando si deve raggiungere la provincia di Sassari.

Informazioni per imbarcare l’autoveicolo sul traghetto

I documenti da presentare all’imbarco sono il biglietto cartaceo o digitale ed il documento di identità in corso di validità, come carta di identità o passaporto, di tutti i passeggeri, minori inclusi, oltre al libretto di circolazione del veicolo. Si consiglia comunque di verificare al momento della prenotazione quali sono le procedure e i documenti necessari per salire a bordo con l’automobile, che potrebbero variare in base alla compagnia di navigazione.

Al momento dell’acquisto del biglietto bisogna comunicare le caratteristiche e le dimensioni dell’auto. Se si ha intenzione di noleggiare l’auto, è in genere prevista la possibilità di comunicare il numero di targa in un secondo momento. Quando l’alimentazione dell’autoveicolo che si vuole imbarcare sul traghetto è a GPL/metano, bisogna ripetere la segnalazione non solo in fase di prenotazione, ma anche al personale di sottobordo e, in alcuni casi, al Comando di bordo.

Per raggiungere la Sardegna con auto al seguito, bisogna presentarsi all’imbarco con congruo anticipo sulla partenza: almeno due ore prima con GNV, e almeno un’ora e mezza prima con i traghetti Moby, Tirrenia e Grimaldi Lines.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *