Novembre 6, 2020

Gattini che rimangono piccoli: quali sono?

Gattini che rimangono piccoli

Chi vive in un appartamento, di solito cerca cani di piccoli taglia, che siano adatti in vivere in spazi ridotti, ma è difficile che qualcuno pensi a gatti che rimangono piccoli, eppure esistono. Per saperne di più, si può continuare a leggere questa pagina.

Il Devon Rex ed il Cornish Rex

Si può cominciare da queste due razze di gatti, che hanno il pelo corto. Il Cornish Rex, dall’aspetto sembrano davvero magri dall’aspetto e alcuni li hanno definiti anche fragili. Esso è il risultato di una mutazione genetica, ed il primo esemplare nacque in Cornovaglia nel 1950. E’ noto per essere un animale che ama arrampicarsi, scalare e giocare, ed è un soggetto intelligente, che ama imparare cose nuove. Si dovrebbe evitare, comunque, di lasciarlo da solo in casa, anche con dei giochi, perché potrebbe sentirsi abbandonato. Visto che teme il freddo, si consiglia di fornirgli una termocoperta.

Come il Cornish, anche il Devon Rex nasce per via di una mutazione genetica, e la sua pelliccia si presenta molto fine e ricciuta, tanto che alcuni lo chiamano “gatto barboncino”. E’ di taglia medio-piccola ed una muscolatura abbastanza sviluppata. Questa razza di gatti è nata una decina di anni dal Cornish Rex, nel Devonshire, e c’è chi lo definirebbe un “combina-guai” visto che ama movimentare la vita dei suoi padroni. E’ un vero monello e si consiglia di non lasciarlo fuori in giardino, per i danni che può causare e visto che bisogna pulirli le orecchie una volta a settimana, è bene farlo sembrare un gioco.

Altre razze piccole di gatti

A queste due razze di gatti appena citati, se ne possono citare almeno altre tre. Uno di questi è l’American Curl, con le orecchie arricciate, che ha una muscolatura compatta e muscolosa, ed un peso che si aggira tra i cinque e sette chili, se maschio, e la metà se femmina. E’ un gatto che ama incondizionatamente, anche se non molto sportivo, ed è bene non lasciarlo solo per troppo tempo.

Il Munchkin, invece, è davvero la razza di gatto più piccola del mondo, per via delle sue zampe corte. E’ nato negli Stati Uniti, nel 1944, ed importato in Europa solo negli anni Novanta. Come il Devon Rex è giocherellone ed anche affettuoso, ed il suo peso si aggira attorno agli 87 grammi, se maschio, e 78 grammi, se femmina. Il suo nome, come alcuni avranno capito, è stato tratto dal libro Il mago di Oz, in cui i Munchkin sono degli omini, noti per la loro allegria e cordialità.

Vi è anche il Singapura, noto anche come “gatto bonsai”, che non arriva a pesare più di tre chili, ma che ha comunque uno scheletro armonico e la muscolatura significativa. Essi sono originari di Singapore e furono trovati nel 1974 da una coppia americana. E’ un gatto tranquillo, sensibile ed ama giocare ed osservare ciò che lo circonda. Come gli altri gatti di piccola taglia, è bene fare attenzione alla sua alimentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *